Sei qui: Home

Sabato 27 giugno la cerimonia di intitolazione del Centro Medico di Capoliveri al Prof. Gianni Randelli.

PDF Stampa Invia per E-mail Scritto da Lucia Soppelsa    Mercoledì 24 Giugno 2020

 

Si terrà sabato 27 giugno alle ore 12,00 la cerimonia ufficiale per l’intitolazione del Centro Medico del Comune al Prof. Gianni Randelli – Medico Chirurgo.

La struttura era stata inaugurata lo scorso 29 maggio, con una breve cerimonia imposta dall’emergenza Covid-19 alla quale erano presenti gli amministratori del Comune di Capoliveri insieme al responsabile della Asl 6 dott. Fabio Chetoni.

Sabato, invece, la cerimonia con la quale la struttura sarà intitolata al Prof. Gianni Randelli, illustre ortopedico dell’istituto Gaetano Pini di Milano prima e del Policlinico San Donato poi, Professore alla Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia dell’Università Statale di Milano nonchè Garante della Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia, che all’Elba e a Capoliveri era molto legato, tanto da prestare per tanti anni la propria opera gratuitamente ai cittadini dell’Isola, con grande umanità e spirito di servizio.


 

All’evento, aperto a tutta la cittadinanza, insieme all’amministrazione comunale, al parroco e alle autorità locali, saranno presenti i familiari del Prof. Randelli, la moglie Gigliola, i figli Pietro, Filippo e Gemma che, medici affermati, continuano l’opera del padre.

“E’ questo il modo – commenta il sindaco Andrea Gelsi - attraverso cui tutta Capoliveri vuol esprimere il suo grazie alla figura del prof. Gianni Randelli.Il suo interessamento alle vicende della nostra comunità, che egli ha scelto quale sua dimora ideale, quale ritiro dalla città, ci ha commossi ed onorati”.

“Per lungo tempo il prof. Gianni Randelli – osserva Ruggero Barbetti - ha rappresentato e continua a rappresentare un riferimento per Capoliveri e questo soprattutto per l’umanità che ha sempre dimostrato nella sua vita. La sua figura resterà per sempre nella memoria di Capoliveri e nel cuore di noi capoliveresi”.