Sei qui: Home

Al prof. Gianni Randelli l’intitolazione del Centro Medico - A breve l’apertura della nuova struttura all’interno dell’ex municipio di Capoliveri.

PDF Stampa Invia per E-mail Scritto da Lucia Soppelsa    Giovedì 30 Aprile 2020

 

Sarà intitolato “Centro Medico Prof. Gianni Randelli – Chirurgo Ortopedico” la struttura sanitariache presto aprirà le porte nella sede dell’ex Municipio di Capoliveri in piazza del Cavatore.

La decisione è stata adottata in data odierna - giovedì 30 aprile - con il voto unanime dei consiglieri di maggioranza nel corso della seduta del Consiglio Comunale a cui invece, per altri motivi, non ha partecipato il gruppo di minoranza.

Al prof. Gianni Randelli - si legge nella motivazione – quale illustre ortopedico e Professore della Scuola di Specializzazione in ortopedia e traumatologia dell’Università Statale di Milano va l’intitolazione del Centro Medico di Capoliveri per le doti di grande umanità che egli ha sempre dimostrato verso i cittadini di Capoliveri e dell’Isola d’Elba, prestando gratuitamente la sua opera altamente qualificata di Chirurgo ortopedico.


 

“E’ un grande onore per noi poter intitolare al Prof. Gianni Randelli, amico di tutta Capoliveri e degli elbani, la struttura sanitaria che presto aprirà i battenti qui nel nostro paese – hanno commentato all’unisono tutti i consiglieri e assessori presenti -. Una struttura che pensiamo possa soddisfare le esigenze della popolazione e dei turisti offrendo servizi sanitari a tutta la collettività. Un servizio atteso che oggi è finalmente una realtà”.

“La famiglia Randelli, ed in particolare i figli, anch’essi medici affermati, hanno accolto con grande favore e commozione la notizia della volontà di questa amministrazione di intitolare al compianto professore la struttura capoliverese - ha commentato il Sindaco Gelsi -. Per noi un orgoglio essere riusciti a realizzare questo obiettivo e a dimostrare, in maniera tangibile, la riconoscenza di tutta Capoliveri alla famiglia Randelli, parte integrante della nostra comunità”.