Sei qui: Home

Il progetto del canile comprensoriale dell’Isola d’Elba presto una realtà. Affidato allo studio associato Vivoli – Di Fazio l’incarico per la redazione del definitivo ed esecutivo. Barbetti “Presto il via ai lavori”.

PDF Stampa Invia per E-mail Scritto da Lucia Soppelsa    Venerdì 11 Gennaio 2019

Presto sarà pronto il progetto per la realizzazione del canile comprensoriale dell’Isola d’Elba.

Con determina n. 1548 del 31 dicembre scorso, il Comune di Capoliveri ha, infatti, affidato allo Studio Associato Vivoli – Di Fazio di Firenze l’incarico per la redazione della progettazione definitiva ed esecutiva della nuova struttura comprensoriale che dovrà sorgere nell’area, già individuata dalla ex Unione di Comuni, ovvero di Colle Reciso, all’interno dei confini del territorio capoliverese.

Allo studio di architettura Vivoli – Di Fazio il compito di procedere all’adeguamento alle esigenze attuali con relative modifiche degli elaborati di progetto definitivo ed esecutivo che dovrà essere consegnato nel termine perentorio di 60 giorni dall’affidamento dell’incarico.


 

I professionisti si erano già occupati della questione del canile comprensoriale dell’Isola d’Elba, avendo realizzato in precedenza la Variante relativa alla destinazione urbanistica delle aree necessarie per la realizzazione dell’intera struttura.

“Il canile - gattile così concepito – spiega il sindaco di Capoliveri Ruggero Barbetti - costituirà un servizio essenziale per tutti i comuni dell’Isola d’Elba, che presto vedremo realizzato. Una struttura in grado di affrontare in maniera seria e adeguata anche il problema del randagismo e del maltrattamento e abbandono di animali che da tempo va avanti sulla nostra isola senza una concreta soluzione.

Un problema a cui daremo una risposta grazie al supporto fondamentale dell’associazione tedesca Bastet Stiftung di Amburgo che ha messo a disposizione 600.000 euro per la nascita di una struttura di accoglienza per cani e gatti con la realizzazione di una clinica veterinaria di eccellenza e per larealizzazione di un servizio di pronto soccorso veterinario h24 all’interno della medesima”.