Il 26 novembre è il giorno dell’incontro fra Gestione Associata per il Turismo e associazioni di categoria per discutere delle nuove strategie di promo commercializzazione dell’Isola d’Elba in Italia e all’estero per il 2016.


Un incontro che era già stato preannunciato dalla Gestione Associata e che servirà a stringere ulteriormente la collaborazione fra istituzioni pubbliche e rappresentanti del mondo economico e sociale  dell’Isola per sviluppare nuovi progetti di marketing e promozione turistica per l’anno che verrà.

 

Sarà la novità dell’estate 2016 a Capoliveri e sarà sicuramente novità apprezzata dal turismo nazionale ed internazionale che guarda con favore al mondo naturista.

L’amministrazione comunale di Capoliveri ha deliberato nel corso della seduta di giunta del 17 novembre scorso di destinare la spiaggia di Acquarilli, sulla costa sud occidentale del comune capoliverese a spiaggia per naturisti.

Una decisione maturata prendendo atto di quella che da decenni è una consuetudine su questa parte di litorale elbano: la spiaggia di Acquarilli, caratterizzata, come precisa la stessa delibera di giunta, dal verde della macchia mediterranea e da una costa alta e frastagliata che rende la spiaggia non facilmente raggiungibile è stata scelta da molti turisti nel tempo quale luogo ideale per praticare il naturismo.


Domenica con “Capoliveri Expo” nel cuore del borgo di Capoliveri.

Già a partire dalle 12,00 di oggi, 8 novembre, gusto e cultura dal Mondo sono presenti nelle piazze nelle vie storiche del paese elbano.

Al via questo pomeriggio “Capoliveri Expo”, la tre giorni dedicata a gusto, tradizioni e usanze dal mondo che durerà fino a domenica 8 novembre coinvolgendo il centro storico di Capoliveri.

Protagonisti di questa manifestazione grazie alla collaborazione con FIVA (Federazione Italiana Venditori Ambulanti) saranno i sapori e la cultura internazionale rappresentati dai banchi del Mercato Europeo e gli stand organizzati dalle comunità di stranieri residenti all’Elba in rappresentanza di Brasile, Romania, Germania, Albania, Spagna, Marocco, Benin e Svizzera