Si avviano alla conclusione gli interventi di riqualificazione del centro storico di Capoliveri. Molte strade, piazze e vicoli sono state sottoposte a restyling con importanti interventi di manutenzione e abbellimento della pavimentazione ed il Comune di Capoliveri ha deciso di intervenire per tutelare decoro e maggiore fruibilità delle aree interessate dagli interventi.


Nei giorni scorsi con l’ordinanza n. 33, l’Ufficio tecnico comunale ha disposto nuove regole per il suolo pubblico.


Con l’obiettivo di preservare, valorizzare e potenziare l’uso e il godimento del patrimonio da parte della collettività  è stato, così, disposto il divieto di occupazione di marciapiedi, strade e piazze con particolare riferimento ai cittadini non esercenti attività economiche, anche prevedendo azioni e interventi finalizzati a garantire sicurezza, incolumità pubblica e tutela del patrimonio storico culturale.

La Capoliveri Legend Cup, prova UCI Marathon Series, sta catalizzando l’attenzione di biker, media e tecnici del settore. La società veneta Cicli Olympia, sempre lungimirante, non ha voluto farsi sfuggire l’opportunità di essere partner tecnico dell’evento e negli scorsi giorni è stato siglato il contratto con cui la società di Piove di Sacco (PD) ha voluto essere al fianco della Capoliveri Bike Park per sostenere l’importante evento che, il 15 maggio 2016, sarà l’epicentro della mountainbike mondiale del settore marathon.

La scelta dell’azienda veneta, visto che la gara elbana fa parte del circuito Italian MTB Awards Scapin, è ricaduta sul suo brand Scapin, per il quale verranno realizzati, nelle giornate del 13-14-15 maggio, dei bike test che daranno la possibilità di provare la gamma bike.

Con un investimento complessivo di 252.000 euro sono stati portati a compimento in queste settimane gli interventi di ampliamento dell’area cimiteriale di Capoliveri.

I lavori, dopo un lungo iter procedurale, hanno portato alla edificazione di 135 nuovi loculi, consentendo di consegnare alla comunità capoliverese un’opera pubblica di primaria necessità per il territorio.

“La semplificazione amministrativa è necessaria, ma va cercata al di fuori della fusione di comuni”.

Il sindaco di Capoliveri
Ruggero Barbetti, presente ieri pomeriggio al convegno organizzato da Il Tirreno e dalla Fondazione Isola d’Elba e dal titolo “8,3,1 Quanti comuni per l’Elba?”, ha espresso chiaramente la propria posizione rilanciando un nuovo progetto di semplificazione per l’Elba che vada al di là dell’accorpamento fra i comuni già esistenti sul quale, sottolinea Barbetti, “gli elbani si sono già espressi in maniera chiara e univoca”.

“L’Isola ha già ampiamente manifestato con
il referendum del 2013 il proprio dissenso sull’ipotesi di una fusione degli otto comuni in un unico grande ente locale accentratore. E la volontà popolare deve essere rispettata.
Non credo, però che l’alternativa di cui si va parlando in questi giorni, di un’Elba ripartita in tre comuni, sia la soluzione. Non ritengo infatti che tre comuni possano essere risolutori rispetto alla forza e all’unità decisionale del territorio.
Credo, invece, che oggi l’Isola possa puntare alla costituzione di una Unione dei Comuni dell’Isola d’Elba, che dunque possa rappresentare finalmente tutti i comuni elbani e possa legittimamente occuparsi di un numero importante di funzioni pubbliche, diversamente da quanto invece, Comunità Montana e Unione di Comuni a cinque, hanno fatto in passato fino a prima della chiusura”.